20 gennaio 2013

Liberi e Responsabili: l’insegnamento di Giorgio Ambrosoli

 

 

Marco Simeon ci invia quest’articolo sull’incontro con Umberto Ambrosoli:

 

E’ stato Umberto Ambrosoli il protagonista del primo incontro del ciclo “colloqui sui doveri umani” organizzato dalla “The Carta of Human Duties”, associazione internazionale il cui documento fondante, proprio la “Carta dei doveri umani” il cui sottotitolo è “a code of ethics and of shared responsibilities” è stato siglato a Trieste nel 1993. L’incontro ha avuto luogo mercoledì  19 dicembre presso l’Aula Venezian della sede centrale dell’Università di Trieste.

 

Il tema dell’incontro, “Il dovere della legalità”, è stata una perfetta occasione per richiamare oggi alla memoria una vicenda quanto mai attuale come quella di Giorgio Ambrosoli, avvocato milanese, liquidatore della Banca Privata Italiana, ucciso da mano mafiosa per conto di Michele Sindona nel luglio del 1979.

 

Ma nelle parole del figlio Umberto, avvocato penalista e fresco vincitore delle elezione primarie del Partito Democratico lombardo per scegliere il candidato governatore alle prossime elezioni regionali, la figura di Giorgio Ambrosoli resta in buona parte sullo sfondo. Un imprescindibile sottinteso, fra tutti i presenti, cui Umberto accenna però solo brevemente. Per l’incontro triestino, ha scelto di evocare nel suo intervento altre due grandi storie italiane. Storie di uomini che, per la legalità, in nome del rispetto delle regole, hanno sacrificato la vita. E hanno dimostrato con chiarezza quale binomio inscindibile sussista tra libertà e responsabilità delle proprie scelte.
(altro…)