Scat! Workshop 2015

logo workshop

 

Al termine del percorso SCAT, Rime ha organizzato un evento finale, della durata di due giorni, dedicato al confronto con alcune associazioni italiane facenti parte della rete We Care (Prendi Parte, Bologna – Uva, Roma – Acmos, Torino) e delle associazioni bosniache e serbe che Rime ha incontrato durante il viaggio Ad Est: l’Omladinski Klub “Pod istim suncem” (sotto lo stesso sole) di Jablanica, Bosnia, che si occupa di educazione ed animazione per giovani e bambini; l’associazione Prijatelji Srebrenice (amici di Srebrenica), di Srebrenica, Bosnia, che si occupa di mediattivismo e gestisce una radio ed un canale televisivo in Bosnia; lo Youth Center CK13, di Novi Sad, Serbia, che si occupa di arte, musica e cultura come strumento di riflessione e discussione tra i giovani di Novi Sad.

Le realtà straniere coinvolte così come quelle italiane di Trieste e della Rete We Care sono state selezionate sulla base delle peculiarità proprie delle attività svolte sui singoli territori di riferimento, così da creare dei gruppi di confronto che hanno lavorato nella stessa equipe di gestione del workshop.

 

 

L’11 giugno sono dunque giunti a Trieste i rappresentanti di queste associazioni che si sono incontrati in una prima giornata di confronto e riflessione con alcune associazioni giovanili triestine (Circolo Etnoblog, Libera Trieste, Cooperativa Sociale Cinquantacinque, ecc.) che si occupano delle medesime tematiche, nel corso di una tavola rotonda volta a favorire lo scambio di informazioni e metodologie, anche ai fini dell’instaurazione di rapporti di cooperazione multiculturale tra i diversi Paesi.

Nella seconda giornata, invece, sono stati organizzati tre workshop dedicati ai giovani di Trieste e della Regione Friuli Venezia Giulia.

I laboratori proposti sono stati così suddivisi:

  1. MediAzione: Workshop inerente il mediattivismo e le nuove tecniche di comunicazione, in collaborazione con l’associazione “Prijatelji Srebrenice”, la Cooperativa Sociale Cinquantacinque e UAUA Academy.
  2. OrganizzAzione: Workshop inerente l’organizzazione di eventi culturali e musicali come forma di impegno civile, in collaborazione con lo Youth Center CK13 e con il Circolo Etnoblog;
  3. PartecipAzione: Workshop inerente la realizzazione di progetti di animazione volti a stimolare la partecipazione attiva dei giovani, con la collaborazione dell’associazione “Pod istim suncem” e di Libera.

 

La prima equipe ha gestito il laboratorio “partecipAzione”, che ha riguardato il tema della partecipazione giovanile ed ha visto come risultato, all’esito del dibattito e dei lavori che sono stati svolti, l’elaborazione da parte dei tre gruppi di lavoro di un’idea progettuale, concernente le tematiche affrontate in precedenza, ovvero partecipazione, inclusione sociale, multiculturalità; la seconda equipe ha invece sviluppato il laboratorio “organizzAzione”, che ha avuto come obiettivo quello di riflettere sui metodi e sui contenuti di un evento culturale che sia anche manifestazione di impegno civile, con una particolare attenzione anche a dettagli maggiormente logistici e pratici, di interesse per i giovani coinvolti; la terza il laboratorio “mediAzione”, che ha visto la realizzazione di un cortometraggio finale, grazie anche alla partecipazione di due videomaker esperti, in seguito ad un momento di confronto e dibattito attorno alla tematica della libertà di informazione. Quest’ultimo laboratorio, poi, ha visto una continuazione logica nella lezione, tenutasi in data 19 giugno, degli esperti di UAUA Academy di Trieste, assieme ai quali sono state approfondite le tecniche di diffusione efficace di un prodotto (come il cortometraggio, oppure una pagina relativa ad un’iniziativa o una associazione) sui social network, così affrontando anche la fase successiva alla realizzazione del video.

Alla fine della giornata del 12 giugno, tutti i partecipanti e gli organizzatori del progetto si sono spostati ai Giardini di Via San Michele, presso i quali si è svolto un momento conviviale, consistente in un aperitivo a base di prodotti tipici balcanici, preparati dalle signore dell’associazione Andandes, e in un concerto di musica balcanica del gruppo Shukar Quartet.

Il progetto è stato realizzato grazie al finanziamento della Regione FVG, bando per contributi per progetti di cittadinanza attiva.

Hanno collaborato con noi:

 

CK 13 – Novi Sad

Pod Istim Suncem – Jablanica

Prijatelji Srebrenice – Srebrenica

Acmos – Torino

UVA – Roma

Prendi Parte – Bologna

Libera

Cooperativa sociale 55- Trieste

Etnoblog – Trieste

Officina Istantanea

UAUA Academy – Trieste

Ass.Andandes – Trieste